Erezione veloce a 38 anni. Che cos'è esattamente l'eiaculazione precoce?

I mille volti dell’eiaculazione precoce

I mille volti dell’eiaculazione precoce

Una sorta di analfabetismo emotivo, detta anche alexitimia, termine tratto dal greco, che significa mancanza, lexis, parola, e thymos, emozione.

Il paziente che ne soffre, con i più svariati gradi di gravità, non si legge dentro, non accede alla decodifica delle proprie emozioni, non correla quanto esperito con quanto sentito.

erezione veloce a 38 anni quali vitamine bere per la crescita del pene

Manca quel ponte che unisce emozioni e corpo, sensazioni e consapevolezza. I pazienti che soffrono di eiaculazione precoce non riescono a esprimere sul piano verbale le loro emozioni, quindi, a verbalizzarle — positive o negative che siano, tiepide o intense - e le lasciano scappare via mediante il riflesso eiaculatorio.

erezione veloce a 38 anni prodotti per unerezione eccellente

Secondo la psicoanalisi, i pazienti che soffrono di questa disfunzione tendono a relazionarsi con le donne mettendo in scena, anche non consapevolmente, modalità punitive, mossi da quote di aggressività repressa. Eiaculazione precoce e coppia La qualità di vita e la qualità della vita sessuale delle coppie con eiaculazione precoce è notevolmente compromessa.

erezione veloce a 38 anni medicina per ingrandire il pene

Sono coppie abitate da incomprensioni pregresse e successive alla sintomatologia sessuale, da astio, acredine e da sofferenza psichica. Il paziente si sente svuotato di energie psichiche, amareggiato, sconfortato e con uno sgradevole retrogusto amaro post coito che gli farà compagnia anche fuori dal letto. La donna, sua partner, si sente invisibile, frustrata, attaccata. Lo considera un egoista, sessualmente avaro di attenzioni e cure, centrato suoi suoi bisogni sessuali. Non tutte le coppie trovano le parole giuste per affrontare questa deriva della sessualità; alcune mentono, glissano e fanno si che un velo di vergogna e imbarazzo ammanti la comunicazione.

Anche le coppie più salde e rodate, nel vano tentativo di far finta di niente, si girano nel letto, si voltano le spalle, e transitano al sonno come meccanismo di fuga dalla realtà sessuale.

La datata scissione tra cure mediche e cure psicologiche, o psico-sessuologiche, è ormai davvero superata e inutile per la guarigione del nostro paziente. Anche gli orgasmi maschili sono difficoltosi o assenti.

Il paziente, non subito e non sempre, ha la chiara percezione di avere un problema sessuale. Erezione veloce a 38 anni crede che il problema sia transitorio.

erezione con un amico facebook video

La compagna frustrata e spesso aggressiva tenta di far emergere la problematica, ma lui si ritira. Dice che passerà. I pazienti hanno la chiara percezione che il problema possa regredire spontaneamente, con il tempo e la buona volontà. Molti lettori non distinguono uno psicologo da uno psicoterapeuta da un sessuologo clinico.

erezione veloce a 38 anni nessuna erezione appena prima

La disfunzione sessuale diventa gradualmente la protagonista della loro vita, esce dalla erezione veloce a 38 anni da letto per dilagare in ogni angolo della loro esistenza. La disfunzione sessuale si verticalizza.

erezione veloce a 38 anni pene del ragazzo

Cronometro, tempo e cura La risoluzione di questa disfunzione sessuale con il suo carico di emozioni contrastanti e paure non è data dal semplice ritardo eiaculatorio — traguardo che i pazienti tentano di ottenere con i famaci - e nemmeno da semplici consigli o ginnastica pelvica, ma da tantissimo altro. La sua cura prevede un lavoro in team. Si deve assolutamente analizzare la cornice emozionale, ambientale e relazionale correlata al paziente e alla sua coppia.

EIACULAZIONE PRECOCE: qual è il principale muscolo coinvolto e come rafforzarlo per contrastarla

Eiaculazione precoce e prognosi. Quando giunge finalmente in studio è frettoloso, arriva in anticipo, è turbato dalla problematica e ha un matrimonio finto pene panne. Insomma, ha fretta!

Repubblica Andrologia

Ha come obiettivo non soltanto la scomparsa del sintomo, ma il mantenimento del risultato raggiunto, tramite il cambiamento delle interazioni affettive, delle modalità comunicative e delle abitudini della coppia. Ogni terapia inizia, come sempre, dalla scelta del clinico adeguato e competente, e dal rapporto sessuologo clinico-paziente o coppia.

Senza questi elementi di fondamentale importanza non è possibile affrontare il cammino della cura, con il suo carico di angosce, fatiche, ripensamenti.

Altre informazioni sull'argomento